[Testo] Episodio 096: La Bellezza Come Antidoto ai Pensieri

Un altro modo per sganciare la nostra mente dalla continua proliferazione di pensieri e dialoghi interiori è quello di abituarci a cercare sempre occasioni per sperimentare la bellezza. Atteggiamento che aumenta anche – e di parecchio – il piacere di vivere.

Bellezza è la parola che usiamo per descrivere l’esperienza del vedere veramente qualcosa. Ci sono cose che vengono abitualmente associate alla bellezza, come l’arte, un corpo attraente, un fiore, un tramonto, ma di fatto è possibile avere esperienze di autentica meraviglia di fronte a qualsiasi fenomeno si presenti nel nostro campo percettivo. Si tratta semplicemente di imparare a fare spazio all’esperienza del bello nell’affollata cacofonia della nostra mente che separa ed etichetta.

È possibile creare questo spazio cercando intenzionalmente occasioni per sperimentare la bellezza. All’inizio saranno situazioni facili e conosciute; noterai soprattutto cose che hai già imparato ad apprezzare come belle: opere d’arte che già ti piacciono, volti che già consideri belli, scenari naturali che già apprezzi.

L’apparato destinato ad apprezzare la bellezza, però, può essere reso più sensibile con la pratica. Allenarsi in modo costante a trovare opportunità per apprezzare il bello attiverà sempre più spesso tale apparato. Imparerai a vedere la bellezza nelle situazioni più insolite: negli incarti del fast food in autostrada, nella conversazione tra due sconosciuti sull’autobus, nelle linee della tua mano, nella carcassa di un vecchio albero, nei piccioni sul marciapiede, in un ricordo che riemerge dalla memoria, nei volti delle persone che incroci per la strada, nella tristezza, nel dolore, nella depressione, addirittura nello sfarfallio dello schermo del televisore.

Allenando la tua capacità di apprezzare la bellezza, vedrai che cambierà drasticamente la relazione con il tuo modo di percepire le cose, con la tua mente e la tua coscienza. Il tuo interesse e la tua attenzione, invece che essere ostaggi della mente che separa ed etichetta, saranno attratti sempre più dalla grande bellezza di tutto ciò che appare nel tuo campo percettivo: stimoli sensoriali, pensieri, sensazioni, e la stessa esperienza dell’essere vivi. Alla fine diventerai così abile ad apprezzare la bellezza che potrai scorgerla anche nella straripante vitalità del tuo corpo sdraiato a letto e anche nella stessa capacità di essere presente a ciò che c’è.

Questo riorientare l’interesse e l’attenzione verso il bello rende la vita più piacevole e allo stesso tempo ti allontana dalla tua abituale proliferazione mentale. I pensieri, nel momento in cui la bellezza del loro apparire diventa più interessante del credere al loro contenuto, acquisiscono una sorta di leggerezza. Questo di fatto modifica la tua relazione con i pensieri e con quei condizionamenti mentali che hai ricevuto dai tuoi genitori, dal sistema educativo e dai mass media.

La Mindfulness della bellezza è un metodo efficace per intervenire sul tuo rapporto con la proliferazione mentale. Impara a stupirti della vita e a viverla ogni giorno come se fosse il primo, e smetterai di dare le cose per scontate, sia quelle buone che quelle meno buone.

Praticare la Mindfulness della bellezza può aiutarci ad abbandonare i nostri schemi di pensiero abituali e fare in modo che la vita possa esprimersi secondo le sue regole. A quel punto diventa più semplice dare meno importanza ai nostri film mentali e far emergere le qualità umane della Mindfulness come gentilezza, attenzione e spaziosità.