[Testo] Episodio 046: Sulla Meditazione e l'Acqua Torbida

Tempo fa ho letto su alcune piattaforme sociali questa frase di Alan Watts: l’acqua torbida si purifica meglio se la lasci ferma. È solo uno stralcio, la versione completa dice così: Inoltre, poiché l’acqua torbida si purifica meglio se la lasci ferma, si potrebbe dire che chi sta seduto tranquillo e non fa nulla di fatto contribuisce a ridurre il caos del mondo.

La frase è presa dal libro di Watts “La Via dello Zen” e si riferisce al fatto che molte persone nella nostra società moderna considerano lo “stare seduti a meditare” come uno spreco di tempo. L’idea comune è che tutto ciò che non va nella nostra vita e nel mondo deve essere messo a posto, e per metterlo a posto bisogna pensare di più e fare di più. Stare seduti a meditare non soddisfa nessuno di questi due requisiti.

Per completare la prima frase, Watts ne aggiunge una seconda che dice: E tuttavia appare ovvio che agire senza saggezza, senza una chiara visione del mondo così com’è, non può portare alcun miglioramento.

L’enfasi qui è sulla “chiara visione del mondo così com’è”. Ogni giorno siamo esposti a migliaia di pensieri, e siamo in balia di una discorsività interna che commenta, etichetta e giudica qualsiasi cosa, compresi noi stessi. La realtà delle cose viene seppellita sotto questo continuo rumore mentale.

In breve: non vediamo le cose come sono, le vediamo come ce le presenta la nostra mente.

Ci perdiamo in pensieri ed emozioni, e andiamo appresso alla mostra mente ovunque ci porta. Col tempo diventa un circolo vizioso, e rinforza la convinzione che la risposta alle difficoltà della vita è “fare di più”, “metterci più energia”, “andare più in fretta”. Ma non puoi risolvere i problemi creati dal pensare con altro pensare. È importante, e vale la pena ripeterlo: non puoi risolvere i problemi creati dal pensare con altro pensare.

Per questo, stare seduti a meditare è importante. Ti alleni a non essere preso dai pensieri, dalle emozioni e dall’attività mentale. E quando sei in grado di distogliere l’attenzione dal rumore della tua mente, crei quello spazio che ti permette di vedere la realtà con chiarezza, senza i filtri e i costrutti che la mente vi aggiunge. Questo, a sua volta, ti rende più abile nei comportamenti.

Per tornare alla metafora iniziale, distogliere l’attenzione dal rumore mentale è come lasciare ferma l’acqua torbida: dopo un po’ ciò che resta è una chiara visione della realtà non più annebbiata dai pensieri, proprio come accade con l’acqua che diventa cristallina, non più intorbidita dal sedimento che precipita sul fondo.