Piantare semi

Pubblicato  - lettura di 1 min
Commenti Nessuno

Al termine di ogni percorso di Mindfulness, le domande che mi faccio sono sempre le stesse: i partecipanti ne hanno avuto beneficio? Ciò che hanno imparato gli cambierà la vita? Ho fatto un buon lavoro?

Come facilitatore, il mio ruolo è quello di piantare semi. Di empatia, apertura, accettazione, gentilezza: talvolta il seme fiorisce immediatamente, come quando un allievo ti racconta di come sta cambiando una relazione importante o di come ora risponde diversamente alle vicissitudini della vita. Altre volte il seme ha bisogno di più tempo per maturare e resta latente per un po’ prima di dare frutti. Se trascurato, difficilmente fiorirà.

Durante un percorso di Mindfulness, aprirsi alla possibilità di una vita più piena, integra e consapevole, è un evento straordinario ed estremamente potente.

Se ciò accade, il seme prima o poi fiorirà.

Post correlati

Commenti

Non ci sono ancora commenti a questo articolo.

Scrivi un commento

Inserisci qui il tuo commento. I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Devi prima visualizzare il tuo commento (anteprima) per poi pubblicarlo (invia).





← I più vecchiI più recenti →