Per una Mindfulness del cuore

Pubblicato  - lettura di 1 min
Commenti Nessuno

Basta cercare “mindfulness” su Google per rendersene conto. Nei risultati, l’associazione più frequente è con parole quali ansia, stress, protocolli MBSR, MBCT, MBRP. Come si conviene a una tecnica meditativa che negli ultimi anni ha assunto una forte connotazione clinica e scientifica. Saki Santorelli, del Centro per la Mindfulness dell’Università del Massachusetts, saggiamente però chiarisce che “non è il prestare attenzione in sé e per sé che aiuta a coltivare la consapevolezza: c’è una qualità, una pienezza del cuore, un’apertura, una sorta di tenerezza che davvero è l’elemento centrale di ciò che chiamiamo consapevolezza. E’ ciò che ci permette di andare incontro a tutto ciò che arriva nelle nostre vite, nella nostra mente, nel corpo e nel mondo attorno a noi, con un atteggiamento di ospitalità, di intimità, di partecipazione e di vicinanza”.

Non basta la nuda attenzione, quindi. Non basta la tecnica. L’attitudine e le qualità del cuore che infondiamo nella pratica sono altrettanto importanti, e fanno la differenza.

Mindfulness come mero strumento clinico validato scientificamente, allora? No, grazie.

Post correlati

Commenti

Non ci sono ancora commenti a questo articolo.

Scrivi un commento

Inserisci qui il tuo commento. I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Devi prima visualizzare il tuo commento (anteprima) per poi pubblicarlo (invia).





← I più vecchiI più recenti →