Mindfulness e contaminazioni occidentali

Pubblicato  - lettura di 1,5 min
Commenti Nessuno

Da tempo è in corso un dibattito tra i fautori di una Mindfulness moderna, laica e orientata al proprio benessere personale, e i puristi di tale pratica, i quali sostengono che nella cultura buddista in cui ha avuto origine, essa è parte di un sistema più ampio di valori e pratiche con una forte connotazione etica, e sradicarla da quel terreno ne può alterare la natura e gli effetti.

Da un lato è necessario tener presente che l’etica ha un ruolo importante negli insegnamenti buddisti. Dall’altro essere consapevoli che il tema è insidioso proprio perché propone un modello sul quale non tutti possono essere d’accordo. Allora mi chiedo: è possibile individuare una dimensione etica universale applicabile alla Mindfulness a prescindere dal contesto culturale e religioso in cui viene proposta? Un ponte che unisca tradizione e modernità?

A me sembra che l’obiettivo di ridurre la sofferenza propria e di tutti gli esseri viventi possa essere un buon punto di partenza. Essenziale e condivisibile, se non da tutti, almeno da molti.

Ed è quello che porto, come intenzione e come pratiche, nei corsi che conduco. Per una Mindfulness laica, si, ma non per questo ridotta a strumento di auto-aiuto.

Post correlati

Commenti

Non ci sono ancora commenti a questo articolo.

Scrivi un commento

Inserisci qui il tuo commento. I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Devi prima visualizzare il tuo commento (anteprima) per poi pubblicarlo (invia).





← I più vecchiI più recenti →