Mente distratta e (in)felicità

Pubblicato  - lettura di 1,5 min
Commenti Nessuno

Una mente rapita dai pensieri e spesso altrove rispetto a ciò che accade qui e ora ha effetti sulla nostra felicità? Sembra di si. Lo conferma uno studio, senz’altro originale nelle modalità di svolgimento, condotto da due ricercatori di Harvard. I nostri hanno sviluppato un’app per iPhone intitolata Track Your Happiness che per un certo periodo di tempo ha contattato, a orari casuali durante il giorno, un gruppo eterogeneo di oltre duemila adulti chiedendo loro di rispondere ogni volta a tre domande:

1. come stai emotivamente in questo momento?
2. cosa stai facendo ora?
3. stai pensando a qualcosa di diverso rispetto a ciò che stai facendo?

Dopo aver raccolto ed elaborato oltre 250 mila risposte, i due ricercatori hanno stilato un modello di come la nostra mente e il nostro umore fluttuano di momento in momento. I risultati, da prendere cum grano salis, sono comunque interessanti:

  • la nostra mente è distratta per circa il 50% del tempo
  • siamo meno felici quando la nostra mente divaga rispetto a quando è focalizzata su ciò che stiamo facendo
  • quando la mente divaga, spesso lo fa per seguire pensieri spiacevoli
  • quando abbiamo pensieri neutri, ovvero né piacevoli né spiacevoli, siamo decisamente meno felici di quando siamo attenti e concentrati
  • anche quando abbiamo pensieri piacevoli, siamo comunque meno felici di quando prestiamo attenzione

Visto l’effetto che la distrazione produce sulla nostra felicità, ma anche talvolta sulla nostra incolumità, non sarebbe meglio imparare (già a scuola?) a coltivare una mente attenta, calma e concentrata?

Post correlati

Commenti

Non ci sono ancora commenti a questo articolo.

Scrivi un commento

Inserisci qui il tuo commento. I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Devi prima visualizzare il tuo commento (anteprima) per poi pubblicarlo (invia).





← I più vecchiI più recenti →