Come in un sogno

Pubblicato  - lettura di 1,5 min
Commenti Nessuno

Una definizione ampiamente accettata di Mindfulness la descrive come il prestare attenzione a ciò che accade dentro e fuori di noi, nel momento presente, in modo intenzionale, saggio e non giudicante. Nella densità di significato che tale definizione racchiude, le parole “dentro” e “fuori” vengono di solito date un po’ per scontate, anche se non lo sono affatto.

Quando parliamo di “fuori”, in realtà questo non è qualcosa di esterno a noi, ma è ciò che i nostri sensi e la nostra mente ci rappresentano di esso. Questo “fuori” che vediamo, annusiamo, tocchiamo, sentiamo, gustiamo e pensiamo, è di fatto “dentro” di noi e parecchio limitato rispetto alla realtà reale, che è notevolmente più ricca rispetto a come la percepiamo.

Inoltre, la nostra personale interpretazione di ciò che i nostri sensi fisici e mentali ci permettono di conoscere, è influenzata da idee e concetti che si sono sedimentati nel nostro sistema nervoso e, salvo rare eccezioni, intercettano il momento presente deviandolo dall’esperienza sensoriale diretta e immediata verso un’esperienza indiretta e mediata da quanto la memoria e la mente ci suggeriscono su di esso.

In altre parole, il nostro contatto con la realtà è spesso ridotto o manipolato da noi stessi, se non talvolta addirittura assente. Viviamo come in un sogno e non ce ne accorgiamo.

La pratica ci aiuta a vedere le cose come sono realmente e non come esse appaiono. Osservare il respiro, i pensieri, le sensazioni fisiche, e lasciarli andare, dirada la nebbia interiore. Con il sostegno di benevolenza, pazienza e determinazione impariamo a vedere i meccanismi con cui interpretiamo la realtà.

La pratica ci risveglia dal sogno.

Post correlati

Commenti

Non ci sono ancora commenti a questo articolo.

Scrivi un commento

Inserisci qui il tuo commento. I campi contrassegnati con * sono obbligatori. Devi prima visualizzare il tuo commento (anteprima) per poi pubblicarlo (invia).





← I più vecchiI più recenti →